State of Decay: Year-One Survival Edition

State of Decay è un gioco di tipo survival dove dovremo sopravvivere ad orde di persone trasformate in zombie. Sviluppato dalla Undead Labs esso in origine esce su Xbox360 per poi approdare su PC tramite Steam. La Year-One Survival Edition contiene le varie espansioni rilasciate e anche qualche modifica (un po’ come la Scholar of the First Sin di Dark Souls 2).

Iniziato il gioco vestiremo i panni di Marcus, il quale durante un campeggio viene assalito dagli zombie e una volta riuscito a fuggire cerca di trovare sopravvissuti per capire cosa sta succedendo.

state-of-decay-accerchiato
Ci troveremo spesso in situazioni come questa.

Di survival ce ne sono molti, e gran parte di questi sono in tema zombie, quindi cosa rende diverso questo titolo dagli altri? Innanzitutto il gioco presenta una grafica molto accattivante, seppure con qualche bug (vedrete a volte zombie uscire dalle pareti, oppure potrete sparare attraverso una fessura ma non colpire a mani nude gli zombie che vi sono attaccati) e ben realizzata. Non ci sarà un protagonista principale: potremo usare qualsivoglia personaggio a nostro piacimento, esclusa la parte iniziale in cui useremo solo Marcus, per esplorare da soli o in coppia; quest’ultima azione però (escluso il caso in cui potremo essere affiancati da NPC durante qualche missione) richiede una certa quantità di influenza. L’influenza (non da confondersi con la febbre; si scusate, era pessima) la acquisteremo completando missioni, interagendo con i personaggi nei giusti modi e raccogliendo scorte per la comunità.

state-of-decay-caratteristiche
Le caratteristiche del nostro personaggio. In alto le altre tab del menu

Elemento caratteristico del gioco è quello di far parte di una comunità che ha trovato un rifugio e di prendersene cura costruendo difese, aree mediche e accumulare scorte per la giornata, il tutto gestibile in stile manageriale, un po’ come i menù di The Sims. Rimanendo in tema The Sims ogni personaggio avrà caratteristiche migliorabili ogni volta che lo si utilizza ed alcune peculiari, ad esempio l’essere un leader nato oppure uno che se ne sta per conto suo.
Se siamo stanchi di seguire le missioni della trama principale potremo nel frattempo procedere ad esplorare gli edifici in cerca di oggetti oppure completare alcuni eventi casuali come il salvare dei superstiti, eliminare le case infestate dagli zombie o fare da fattorini tra un gruppo di sopravvissuti e un altro.
Il gioco inoltre continuerà ad andare avanti anche se apriremo l’inventario o passeremo in rassegna i vari personaggi e continuerà persino una volta chiuso il gioco: attenzione quindi a lasciare una situazione di normalità prima di spegnere il gioco, o al successivo caricamento potrete ritrovarvi la casa improvvisamente invasa da zombie!

state-of-decay-barricata
Non si è mai troppo prudenti.

 

Leave a Reply

Be the First to Comment!

avatar
wpDiscuz