HIT – picchiamo duro

Un background classico…

In questo RPG in stile hack ‘n’ slash saremo coinvolti nell’eterna e classica lotta tra divinità del bene e del male, in cui vestiremo i panni dell’eroe (o eroina) buono che guiderà il mondo verso la pace. Per fare questo possiamo scegliere una tra le 5 classi (ahimè purtroppo gender locked, ovvero che il warrior sarà solo maschio, l’arciere solo femmina ecc.) del gioco: il guerriero che impugna uno spadone a due mani e punta su alti hp e attacco, il ladro che si affida alla velocità e ai colpi critici, l’arciere che domina la battaglia dalla distanza, la maga che governa gli elementi e un’altra guerriera che brandisce una falce e si pone tra un guerriero pesante e un ladro.

 

… ma dotato di una grafica pazzesca

hit grafica
La grande cura dei dettaglia, ottenuta grazie all’Unreal Engine 4

HIT fa dell’aspetto grafico la sua forza dal momento che è sviluppato con l’Unreal Engine 4 e anche perché questa è una caratteristica su cui spingono molti giochi del genere. Diciamocela tutta: non siete più presi da un gioco con dettagli al massimo, particellari come se piovesse e senza problemi di fotogrammi? Io si, almeno all’inizio.

Meccaniche classiche, ma non completamente

Dall’interfaccia principale avete l’impressione di star giocando a uno dei tanti titoli disponibili: la sezione dell’equipaggiamento, i vari accessi alle diverse tipologie di missioni come l’avventura, l’arena, la sezione social e i vari dungeon di farming di materiali, ma in HIT le meccaniche di combattimento sono diverse da quelle di altri giochi che ho provato.

È ovviamente presente l’immancabile sezione di crafting in cui potremo potenziare le nostre armature ed armi per poter garantirci una maggior chance di sopravvivenza, ma se giocate bene non avrete bisogno di armature costose per sopravvivere.

La reattività dei combattimenti fa la differenza

Sembrerà scontato, ma in HIT, oltre alle 3 skill attive utilizzabili, vi è il comando per parare e/o schivare i colpi: gran parte di essi è infatti schivabile, il che vi garantisce la completa immunità del danno, ma qualora non fosse possibile potete sempre ricevere del danno ridotto mettendovi in guardia.

hit skill
Il buon sistema della gestione delle abilità ci permette di creare combo personalizzate

C’è di più! Per i giocatori che saranno abbastanza bravi da premere il comando di guardia nel momento esatto in cui subite danno potrete annullarlo e contrattaccare! Credo che questa sia un’ottima meccanica dal momento che offre alle classi con hp inferiori la stessa possibilità di sopravvivenza dei tank, ma non solo: se siete dei free player e non avete acceso alle armature esclusive potete sempre vincere la vostra “mancanza” di fondi con la vostra bravura!

Combo, selezione di skill e passive

Insomma, la pentola d’oro alla fine dell’arcobaleno per ogni appassionato di GDR, ovvero l’implementazione di un ottimo sistema di abilità.

Come detto prima avrete 3 skill attive da poter usare in battaglia, ma potete decidere voi quale tra le 10 disponibili inserire negli slot in modo da creare combo spettacolari che si armonizzino con il vostro stile di gioco: ogni abilità infatti ha una determinata combo con la quale può concatenarsi, ma le abilità di livello più alto possono anche averne 2, creando nuove strategie.

 

Leave a Reply

Be the First to Comment!

avatar
wpDiscuz