Artorias of the Abyss: il primo DLC per Dark Souls

Artorias of the Abyss è il primo (ed unico fin’ora) DLC per il primo Dark Souls. Inizialmente incluso per PC nella Prepare to Die Edition il 23 Agosto 2012 è stato successivamente reso disponibile anche per console e ad acquisto singolo. In questa nuova avventura avremo modo di incontrare o raccogliere ulteriori informazioni su luoghi, persone od eventi che nel gioco originale sono stati riportati in modo generico.

dark souls dlc entrata
Si, questo sarà l’unico modo di entrare nel DLC.

Il centro di questo DLC è Oolacile, città dalla quale sembra essere scaturito l’Abisso che continua fuoriuscire fino al periodo in cui si sviluppa la storia del nostro Chosen Undead (ricordiamoci che a Lordran il tempo è distorto). Senza spoilerare troppo verremo a conoscenza della causa dell’origine dell’Abisso e dell’Oscurità, e faremo finalmente conoscenza del cavaliere Artorias, fino a questo momento tanto nominato, e appureremo se la leggenda che ruota attorno alla sua figura è vera o no.

Questo contenuto non è molto vasto, dato che avremo “soltanto” quattro nuovi boss e una mappa non particolarmente estesa, ma avremo comunque il nostro bel da farsi nello sconfiggerli e nel cercare di recuperare quante più informazioni di lore possibili per comprendere meglio (o rivederli sotto un’altra luce) gli eventi narrati nell’avventura principale.

Un’altra aggiunta interessante qui presente sono le varie arene PVP per il multiplayer, accessibili una volta affrontato Artorias. Esse sono:

  • Duello:1 contro 1, 3 minuti di combattimento, una volta morti si resuscita immediatamente e si continua il duello. Vince chi muore meno volte, allo scadere del tempo.
  • A squadre:2 contro 2, 6 minuti di combattimento, vince la squadra che accumula più uccisioni.
  • Deathmatch:Tutti contro tutti, 6 minuti di combattimento, vince il giocatore che uccide più avversari.
dark souls dlc nemici
Nuovi nemici, stessa strategia: corri

Attenti però, perché acquistare il DLC non significa poterlo giocare subito. L’oggetto richiesto per attivarlo infatti va ottenuto effettuando una serie di azioni praticamente impossibili da immaginare per il giocatore medio (in pieno stile Souls), e francamente si poteva escogitare un sistema che rendesse il tutto meno macchinoso ma non per questo che togliesse l’elemento esplorativo.

Resta comunque un buon contenuto, soprattutto per chi, come me, ama le design buil, ovvero le build che puntano sull’elemento estetico a dispetto di quello pratico; perché diciamocelo chiaramente: a chi non è venuta voglia di indossare l’armatura di Artorias dopo averlo affrontato nell’arena?

Leave a Reply

Be the First to Comment!

avatar
wpDiscuz